Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

truffe

Acquisti incauti

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Non sempre siamo noi a programmare un acquisto. Talvolta è il venditore a cercarci e incalzarci: può succedere in casa, per la strada, all’interno di centri commerciali, a distanza, attraverso riviste o tramite programmi televisivi, al telefono o in internet. In queste occasioni, facile incappare in vendite truffa organizzate dalla stessa azienda produttrice del bene. Il fine di tali vendite è indurre il malcapitato di turno a firmare un contratto che non avrebbe accettato se avesse avuto il tempo di leggere nel dettaglio le clausole di acquisto o se avesse avuto consapevolezza delle caratteristiche del prodotto. Quando si fanno questi acquisti, spesso i contratti prestampati utilizzati sono scritti in caratteri estremamente minuscoli proprio per far passare la voglia di leggerli fino in fondo.

Attenzione!

Non dimentichiamo che uno dei metodi di cui si avvalgono i venditori porta a porta per accattivarsi la fiducia del cliente, è anticipare l’offerta al telefono proponendo di lasciare la merce in visione e senza nessun impegno di pagamento per dare il tempo di decidere con tutta calma. Non lasciatevi attrarre facilmente dalla proposta: in un secondo momento non sarà altrettanto semplice dire “no” all’acquisto.

Questo articolo è realizzato da:

Con il contributo di:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!