Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

truffe

Attenzione agli investimenti miracolosi!

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Sui quotidiani e sui siti internet spesso si trovano annunci che pubblicizzano offerte di guadagno sbalorditive. In tempo di crisi si tentano tutte le strade per reperire risorse che possano integrare il reddito e, approfittando di tale legittima esigenza, individui senza scrupoli propongono affari che comportano soltanto esborsi o perdite di denaro.
Investimenti finanziari fasulli o improbabili acquisti immobiliari: il repertorio delle truffe economiche è ampio, ma il comune denominatore è la sottrazione, spesso ingente, di quattrini e di risparmi.

Attenzione!

Valutiamo con estrema prudenza e meticolosità le proposte di investimenti, soprattutto se azzardati o carenti della necessaria e corretta informazione sui rischi. Fanno parte della cronaca recente le vicende di milioni di risparmiatori che, dopo l’acquisto di azioni o di obbligazioni subordinate, non di rado su consiglio del proprio istituto bancario, hanno visto andare in fumo il patrimonio accumulato in una vita di sacrificio.
Meglio essere prudenti e consultare professionisti (avvalendovi dei servizi della Federconsumatori) per analizzare i rischi, le potenzialità e l’attendibilità delle offerte del funzionario della banca o della assicurazione. Dubitate di chi vi propone un metodo sicuro e rapido per fare soldi. Tanto più il metodo è rapido, tanto più comporta rischi e maggiori sono le probabilità che sia una truffa.
Se non vi sono chiari alcuni termini contrattuali, prima di sottoscrivere l’accordo, non abbiate timore di richiedere la documentazione per visionarla con tranquillità e con l’aiuto dei vostri familiari o di una persona competente di vostra fiducia.

Questo articolo è realizzato da:

Con il contributo di:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!