Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

donne, pensioni

La pensione di vecchiaia nel regime retributivo

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Si trovano in questo regime coloro che al 31/12/1995 hanno accreditato almeno un contributo. Nel regime retributivo per accedere alla pensione di vecchiaia è necessario raggiungere il requisito di età e di contribuzione.

Requisito di età

Con la riforma Fornero il requisito anagrafico di 65 anni vigente fino al 31/12/2011 viene elevato a 66 dal 1° gennaio 2012, inglobando così l'attesa ulteriore di un anno per la decorrenza della pensione, prevista fino al 2011 e abolita con questa nuova disciplina. Questa modifica è stata applicata immediatamente a tutti coloro che alla data del 31/12/2011 dovevano far valere 65 anni di età.

Dal 2013 il requisito anagrafico è incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita, come previsto dalla normativa previgente. Il primo scattato nel 2013 è stato di tre mesi; il secondo è scattato nel 2016 ed è stato di 4 mesi. Il terzo, che scatterà nel 2019, sarà di 5 mesi. I successivi adeguamenti saranno quindi a cadenza biennale.

DONNE E UOMINI

Anno Età
tutti i settori
2018 66 anni e 7 mesi
2019 67 anni
2020 67 anni
2021 * 67 anni e 3 mesi
* Gli incrementi previsti per il 2021 sono stimati. Dovranno essere confermati dall'ISTAT.

Requisito di contribuzione

Il requisito contributivo è fissato a 20 anni per tutti i lavoratori autonomi e dipendenti sia del settore privato che pubblico, con alcune eccezioni: possono andare in pensione con solo 15 anni di contributi i lavoratori dipendenti e gli autonomi che avevano già maturato 15 anni di contributi al 31/12/1992 e chi entro questa stessa data era già stato autorizzato a versare volontariamente i contributi.
Inoltre possono andare in pensione con solo 15 anni di contributi quei lavoratori dipendenti che hanno il primo contributo accreditato almeno 25 anni prima della decorrenza del pensionamento, ma non solo, questi stessi lavoratori dovranno aver lavorato per almeno 10 anni (anche non consecutivi) per periodi necessariamente inferiori a 52 settimane l’anno.

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti.
domande frequenti
passa a trovarci

PENSIONI

Risponde:
Paola Cortesi

NOME:

ETÀ:

EMAIL:

TESTO:

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!