Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

truffe

Falsa beneficenza

🕐 Tempo di lettura: Meno di 1 minuto

Il tranello della falsa beneficenza può assumere una varietà di forme: l’obiettivo comune è quello di accaparrare generose offerte in denaro, ufficialmente da destinare a fini filantropici ma, in realtà, indirizzate alle tasche dei promotori della fraudolenta associazione benefica.

Attenzione!

Ricordiamo che le donazioni a qualunque titolo, anche se d’importi irrisori, devono essere certificate da una ricevuta corredata dal nome del donatore e dai dati dell’associazione che promuove la raccolta di beneficenza. Inoltre, è sempre consigliabile non consegnare denaro in contanti e farsi rilasciare gli estremi bancari per eseguire successivamente e con calma la donazione attraverso un conto corrente bancario o postale. Tali sistemi, infatti, consentono la rintracciabilità della donazione e di ottenere agevolazioni fiscali da richiedere al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi.

Questo articolo è realizzato da:

Con il contributo di:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!