Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

sanità

Indennità di accompagnamento

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Cos'è

L’indennità di accompagnamento è una prestazione assistenziale regolata dalla legge 18/1980 spettante agli invalidi civili totali che non possono deambulare senza l’aiuto di una persona e che non riescono a compiere gli atti della vita quotidiana (mangiare, lavarsi ecc.) senza aiuto continuo.

A chi spetta

Spetta ai cittadini invalidi che sono nell'assoluta impossibilità di deambulare senza l'aiuto di un accompagnatore o di compiere gli atti quotidiani della vita senza assistenza continua e che non siano ricoverati gratuitamente presso strutture pubbliche a causa della loro inabilità.

L'indennità di accompagnamento non è incompatibile con lo svolgimento di attività lavorativa ed è concessa anche ai minorati nei cui confronti l'accertamento delle prescritte condizioni sanitarie sia intervenuto a seguito di istanza presentata dopo il compimento del sessantacinquesimo anno di età o prima dei 18 anni.
È tuttavia incompatibile con analoghe prestazioni concesse per invalidità contratte per causa di guerra, di lavoro o di servizio.

Dall'1 marzo 1991, la legge 429/91 consente alle persone affette da più minorazioni, che darebbero titolo a indennità di accompagnamento (quale ciecità o invalidità civile), di cumulare le due indennità.
Per la sua erogazione si prescinde dai redditi sia personali che familiari. È erogata per 12 mensilità.

Importo dell'indennità di accompagnamento
Anno Mensile Annuo
2018 516,35 € 6.196,20 €
NB: l'importo viene adeguato annualmente in base all'inflazione

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!