Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

alimentazione

La cura delle mandorle

🕐 Tempo di lettura: 3 minuti

La mandorla contiene in abbondanza diversi nutrienti. Innanzitutto i grassi (55% del peso), quasi tutti di tipo insaturo e quindi benefici per abbassare il colesterolo sanguigno, per chi è diabetico (proteggono i vasi sanguigni, compromessi in questa condizione), per gli allergici (riducono le infiammazioni tipiche di questa patologia). I grassi insaturi, inoltre, migliorano lo stato delle pelli secche, ruvide e irritate. Nella mandorla si trovano anche buone proteine (22%), minerali (calcio, fosforo, potassio, ferro, zinco, rame, magnesio) e una quantità significativa di fibre (quasi il 13%). Le mandorle inoltre influiscono positivamente sull’equilibrio della flora batterica intestinale. Questi semi costituiscono, infatti, un eccellente prebiotico, cioè il substrato sul quale proliferano i preziosi batteri che vivono nel nostro intestino.

Buone per il cuore

L’efficacia dei semi oleosi (mandorle, ma anche noci, nocciole) nel ridurre il rischio di malattie coronariche è stata dimostrata in numerosi studi. Per le mandorle, oltre alla riduzione della colesterolemia, è stata scoperta anche la capacità di ridurre i livelli di ossidazione (cioè di alterazione/infiammazione) di molti grassi che circolano nel sangue. I grassi ossidati sono quelli che alterano la parete delle coronarie e favoriscono la formazione di placche e di trombi. In particolare, è stato osservato che le mandorle sono molto ricche di antiossidanti (contenuti soprattutto nella pellicina che le ricopre) e di vitamina E, una vitamina contenuta nei grassi e che li protegge dalle alterazioni patologiche. Gli effetti benefici prodotti dal consumo di mandorle (almeno una decina al giorno, ben masticate) sono particolarmente evidenti in soggetti anziani con il colesterolo elevato e nelle donne in menopausa.

Una ricetta utile: Insalata di primavera con maionese di mandorle

Ecco un modo insolito per consumare le mandorle: trasformarle in una salutare "maionese", perfetta anche per chi ha il colesterolo alto.

Ingredienti
2 cespi di radicchio verde, 2 belle manciate di lattughino da taglio, 1 carota, 5 rapanelli, 50 g di mandorle sgusciate, 1 cucchiaio di erba cipollina tritata, 1 cucchiaio di semi di girasole, olio extravergine d’oliva, sale, mezzo limone, qualche foglia di scarola e di tarassaco, una manciata di valeriana e di rucola
Preparazione
Mettete a bagno le mandorle per 12 ore in acqua fresca. Scolatele e frullatele con il succo del limone, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio. Unite pian piano al composto qualche cucchiaio d’acqua finché la salsa diventerà soffice e assai simile a una maionese. Incorporate l’erba cipollina tritata e lasciate riposare in frigorifero in un contenitore chiuso. Condite le verdure mondate e lavate con una emulsione di olio, sale e succo di limone. Disponete l’insalata nei piatti individuali, decorate con un po’ di maionese vegetale e guarnite con i semi di girasole. Servite con pane integrale tostato. Un pasto completo e salutare.

Questo articolo è realizzato da:

Con il contributo di:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!