Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

sanità

Legge 104: come funziona

🕐 Tempo di lettura: 7 minuti

Cos'è

La Legge 104 è una normativa quadro che contiene disposizioni in materia di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone diversamente abili. Entrata in vigore nel febbraio 1992 è stata poi modificata nel 2000 dalla legge 53, nel 2010 dalla legge 183 e nel 2011 dal decreto legislativo 119.
All’articolo 33, sono disciplinate le agevolazioni riconosciute ai lavoratori affetti da disabilità grave e ai familiari che assistono una persona con handicap in situazione di gravità.
Il primo articolo della legge chiarisce cosa s’intende per persona con grave disabilità: “Colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione".

Per il riconoscimento della grave disabilità è necessario:

  1. rivolgersi al medico di famiglia del tuo genitore;
  2. il medico dovrà trasmettere via internet la richiesta all’INPS e al patronato;
  3. il tuo genitore dovrà effettuare la visita medica di accertamento presso la commissione ASL integrata da un medico INPS, nella data che verrà comunicata;
  4. portare tutti i certificati medici specialisti relativi alle patologie riconosciute al tuo genitore.

Con il verbale della commissione con il quale in base all’art.33 della legge Legge 104/92 che riconosce al tuo anziano genitore lo stato di disabile grave, puoi usufruire dei vantaggi di legge.

Le agevolazioni lavorative della 104

La legge prevede che i portatori gravi di handicap e i loro familiari possano godere, in ambito lavorativo, di una serie di agevolazioni, come i permessi retribuiti nella misura di tre giorni mensili.
È inoltre previsto anche che i familiari dell’invalido, così come l’invalido stesso, abbiano la priorità nella scelta della sede di lavoro; possono altresì rifiutarsi, indipendentemente dall’esistenza di validi motivi da parte della società, di trasferirsi dalla propria sede lavorativa, di prestare lavoro notturno, domenicale o festivo.
A ogni lavoratore che ha un parente gravemente malato spettano due anni di permessi indennizzati. Il beneficio è razionabile.

Tre giorni di congedo retribuito per ciascun mese lavorato

In genere le aziende hanno un modulo preimpostato con il quale puoi fare domanda di usufruire del congedo.
Al modulo va allegato la fotocopia del verbale che attesta il riconoscimento di handicap secondo l’art.33 della legge Legge 104/92. L’assenza dal lavoro deve sempre essere comunicata in anticipo al datore di lavoro.

Frazionare i tre giorni di congedo

I tre giorni di congedo retribuito mensili non devono essere per forza consecutivi e possono essere frazionati anche in ore.
Ad esempio se hai bisogno di arrivare ogni giorno un’ora più tardi al lavoro o uscire un’ora prima, lo puoi fare.
Oppure puoi richiedere un pomeriggio alla settimana o qualsiasi altra forma frazionata di utilizzo dei tre giorni mensili che ti risulti più efficace per poter seguire e assistere il tuo anziano genitore.
In genere si tratta di mettersi d’accordo con il datore di lavoro in modo che, da una parte tu possa trarre il massimo beneficio da questa opportunità e la tua azienda possa organizzarsi per coprire le esigenze della sua attività.

Il tuo stipendio è salvaguardato

Quando usufruisci dei benefici della legge 104 hai diritto all’intero stipendio mensile con relative mensilità aggiuntive.
Il tuo datore di lavoro non può procedere ad alcuna decurtazione per i tre giorni che non hai lavorato in regime di 104.

Congedo retribuito di due anni

A volte i tre giorni di congedo mensili non bastano per prenderci cura dei nostri cari, quindi – sempre se al nostro genitore è riconosciuto lo status di handicap grave della legge 104 – hai anche la possibilità di richiedere un congedo retribuito continuativo o frazionato (in questo caso il frazionamento minimo è in giorni, non in ore) per un massimo di due anni per tutta la tua vita lavorativa.
In questo periodo ti spetta lo stipendio decurtato di una percentuale a seconda dell’importo annuale da te percepito e sarai coperto da contribuzione figurativa ai fini pensionistici.

Per ottenere il congedo retribuito di due anni ci sono tuttavia alcune condizioni:

  1. Obbligo di convivenza: per poter ottenere il congedo retribuito devi avere la stessa residenza del tuo genitore. L’unica deroga è relativa a chi vive in condominio in questo caso, pur avendo lo stesso indirizzo, è consentito che tu possa vivere in un interno differente dal tuo genitore.
  2. Solo due anni, e solo una persona: il congedo non può superare la durata complessiva di due anni per ciascuna persona portatrice di handicap. Significa che se hai entrambi i genitori nello status di handicap grave, non puoi richiedere un permesso di quattro anni. Allo stesso modo il disabile può essere assistito anche da familiari diversi ma per un totale di due anni e quindi due figli non possono fruire di due anni d’assenza ciascuno per assistere lo stesso genitore portatore di handicap, ma solo di due anni complessivi.
  3. Quando è possibile in presenza di ricovero: abbiamo detto che un motivo di esclusione nell’ottenere il congedo biennale retribuito è che il tuo genitore non sia ricoverato a tempo pieno presso una struttura sanitaria. La condizione per ottenere il congedo biennale retribuito è che il tuo genitore non sia ricoverato a tempo pieno presso una struttura sanitaria o sociosanitaria. Pur rimanendo vera questa condizione il Decreto Legislativo 119/2011 ha introdotto una eccezione: “Il congedo è accordato a condizione che la persona da assistere non sia ricoverata a tempo pieno, salvo che, in tal caso, sia richiesta dai sanitari la presenza del soggetto che presta assistenza.” Questa modifica ti aiuta a essere accanto al tuo anziano genitore in caso, ad esempio, di un ricovero ospedaliero momento in cui ha ancora più bisogno di te.

Come richiedere il congedo retribuito

La condizione base è che al tuo anziano genitore sia stato riconosciuto lo stato di handicap grave. L’iter per la richiesta poi varia se sei dipendente in una azienda privata o pubblica.
Se lavori nella Pubblica amministrazione la domanda va presentata al dirigente responsabile del tuo ente (in alcuni enti la competenza è attribuita all’Ufficio personale e risorse umane, in altre realtà è attribuita direttamente al responsabile dell’ufficio di cui fai parte). La domanda è, in sostanza, un’autocertificazione in cui si dichiarano una serie di condizioni personali: stato di handicap, la parentela con la persona da assistere, dati anagrafici del lavoratore, della persona da assistere, della convivenza, i dati identificativi dell’ente e altre informazioni se richieste.
Nella Pubblica Amministrazione, la domanda va presentata al dirigente responsabile individuato dall’ente (in alcuni enti la competenza è attribuita l’Ufficio personale e risorse umane, in altre realtà è attribuita direttamente al responsabile dell’unità o del servizio cui afferisce il dipendente).
Se lavori presso un’azienda privata e la tua assicurazione è dell'INPS la domanda va presentata all’INPS che ne verifica la sola correttezza formale e ne dà l’assenso. Anche in questo caso la domanda è un’autocertificazione in cui si dichiarano una serie di condizioni personali: stato di handicap, la parentela con la persona da assistere, i dati anagrafici e identificativi dell’azienda e altre indicazioni, se richieste. Va poi presentata anche al datore di lavoro che avrà la competenza di verificare la correttezza sostanziale per l’accettazione della domanda.

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!