Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

sanità

Ricetta elettronica: cos'è e come funziona

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Cos’è

È una ricetta che si fa attraverso il computer e sostituisce quella cartacea, sia per la prescrizione di farmaci sia per esami di laboratorio/diagnostici e visite specialistiche.

Come funziona

Il medico riceve dalla Asl una serie di numeri (NRE: numeri ricetta elettronica) al posto dei ricettari rossi. Al momento di fare la prescrizione si collega al sistema tramite il computer e, su uno dei numeri ricevuti, inserisce il codice fiscale del paziente. Il sistema valida il codice fiscale e tutte le informazioni di esenzione collegate, quindi il medico conferma i dati e completa la ricetta. Poi stampa un promemoria per il paziente che può essere utilizzato in farmacia o in ambulatorio anche in caso di malfunzionamento del sistema informatico.

La ricetta elettronica vale in tutto il territorio nazionale e il ticket eventuale si paga in base alle regole della regione di residenza.
Fino a fine 2017 sono stati esclusi dalla prescrizione elettronica alcuni farmaci tipo gli stupefacenti nonché l’ossigeno e le prescrizioni connesse alla continuità assistenziale.
Al 1° marzo 2016, data di avvio della nuova procedura nazionale, risultavano fuori dal sistema la Regione Calabria e la Provincia autonoma di Bolzano.

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL

Resta in contatto con noi!