Donne
Pensioni

La pensione di vecchiaia nel regime contributivo

Tempo di lettura minuti

Si trovano in questo regime coloro che al 31/12/1995 non hanno accreditato nessun contributo. Nel regime contributivo per accedere alla pensione di vecchiaia è necessario raggiungere il requisito di età, di contribuzione e di importo.


Si trovano in questo regime coloro che al 31/12/1995 non hanno accreditato nessun contributo. Nel regime contributivo per accedere alla pensione di vecchiaia è necessario raggiungere il requisito di età, di contribuzione e di importo.

Requisito di età

Con la riforma Fornero il requisito anagrafico di 65 anni vigente fino al 31/12/2011 viene elevato a 66 dal 1° gennaio 2012, inglobando così l'attesa ulteriore di un anno per la decorrenza della pensione, prevista fino al 2011 e abolita con questa nuova disciplina.

Dal 2013 il requisito anagrafico è incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita, come previsto dalla normativa previgente. Il primo scattato nel 2013 è stato di tre mesi; il secondo è scattato nel 2016 ed è stato di 4 mesi. Il terzo, scattato nel 2019, è di 5 mesi e durerà fino al 2024. I successivi adeguamenti avranno cadenza biennale.

DONNE E UOMINI

Anno Età
tutti i settori
2018 66 anni e 7 mesi
2019-2024 67 anni

Requisito di contribuzione

Il requisito contributivo è elevato a 20 anni, per tutti i lavoratori sia del settore privato che del settore pubblico. A 71 anni di età, più la speranza di vita, il requisito si riduce a 5 anni.

Requisito d'importo

Dopo la riforma Fornero l'importo minimo della pensione calcolata con il sistema contributivo è passato da 1,2 a 1,5 volte l'assegno sociale vigente alla data di decorrenza della pensione.

Si prescinde dal requisito d'importo una volta raggiunta l'età di 71 anni (fino al 2024), anch'essa soggetta all'incremento per speranza di vita.
Nel 2024, con la legge di bilancio del Governo Meloni, l'importo soglia è abbassato 754,5 a 534,41 (assegno sociale X 1).

Questo articolo è realizzato da:

Sindacato Pensionati Italiani CGIL

Condividi questo articolo sui social

Facebook X

Problemi con la pensione?

Scrivi al nostro esperto

Leggi anche…

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla newsletter riceverai le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta elettronica

Consenso e trattamento dati