Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

sanità

Immuni: come funziona spiegato bene

🕐 Tempo di lettura: 3 minuti

Immuni è l’app che ti avvisa se sei entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19.

È uno strumento considerato indispensabile per tracciare la catena del contagio e per permettere al nostro sistema sanitario di intervenire prontamente, anche se in ampi strati della popolazione permangono dubbi e perplessità sulla sua efficacia.

Innanzitutto è necessario scaricare l’app sul proprio smartphone (tramite GooglePlay o AppStore) e tenere acceso il Bluetooth (per farlo basta andare nelle impostazioni del proprio telefono).
Nota bene: purtroppo non tutti gli smartphone sono adatti a supportare Immuni, specie se si tratta di dispositivi non di ultimissima generazione.

Una volta attivata, l’App elaborerà un codice anonimo quando entriamo in contatto con qualcuno a meno di due metri di distanza e per più di 15 minuti.
Non viene invece rilevata l’eventuale presenza di barriere o di dispositivi di protezione individuale. Significa quindi che al momento del contatto tra noi e la persona risultata positiva poteva esserci un muro o che potevamo essere tutti dotati di mascherina, riducendo così l’effettiva possibilità di essere stati contagiati.

Come ti avvisa Immuni dell’avvenuta esposizione?

Qualora dovessi essere entrato in contatto negli ultimi 14 giorni con una persona risultata positiva al Covid-19 riceverai una notifica su Immuni.
Importante! È strettamente necessario aprire l’App almeno una volta al giorno per verificare se l’avete ricevuta.

Che succede se ricevi una notifica di esposizione al rischio di contagio?

Qualora dovessi ricevere una notifica di esposizione dovrai contattare subito il tuo medico di base, che valuterà il da farsi. In assenza di sintomi, tuoi o delle persone che vivono a stretto contatto con te, ti dirà di rimanere in quarantena per 14 giorni dalla data del presunto contatto, al termine dei quali ti prescriverà il tampone, gratuito e a carico del sistema sanitario nazionale.
In presenza di sintomi, tuoi o delle persone che vivono a stretto contatto con te, ti guiderà al percorso sanitario da seguire. Dovrai comunque osservare i 14 giorni di quarantena dalla data di esposizione ed effettuare poi un tampone.
Le persone che hanno avuto contatti stretti con te (siano essi parenti, amici o colleghi) non saranno tenute a fare la quarantena, a meno che nel frattempo non abbiano sviluppato sintomi.
Quarantena e tampone per loro scatterebbero solo qualora voi foste risultati positivi al tampone.

Che succede se risulti positivo al Covid e hai Immuni?

Se dovessi risultare positivo al Covid-19 e hai scaricato Immuni la tua Asl ti chiederà di condividere il codice generato negli ultimi 14 giorni guidandoti telefonicamente nell’operazione.
A quel punto tutte le persone che hanno Immuni e con cui sei stato a meno di due metri di distanza e per più di 15 minuti saranno avvisate da una notifica di esposizione al rischio di contagio.
Attenzione: le persone che riceveranno tale notifica sapranno solo in quale giorno hanno avuto questo contatto e non sapranno quindi che siete voi ad essere risultati positivi al Covid-19.

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL