Truffe

La gita col "pacco"

Tempo di lettura minuti

Dietro vantaggiose proposte di svago si potrebbero celare vendite insistenti o, peggio, delle vere e proprie truffe.


Di tanto in tanto leggiamo volantini che illustrano offerte di gite o viaggi promozionali a prezzi scontati. Dietro queste vantaggiose proposte di svago si potrebbero celare vendite insistenti o, peggio, delle vere e proprie truffe. Infatti, lo scopo principale di tali gite o viaggi è quasi sempre la vendita di prodotti: pentole, biancheria, abiti e quant’altro. La maggior parte di questi beni, oltre a essere venduta a prezzi elevati, è generalmente di pessima qualità. Durante la gita, i promotori faranno pressione sui partecipanti per persuaderli a fare degli acquisti, anche ricorrendo a complici che fingeranno di comprare a man bassa prodotti di incerta provenienza presentati come fossero un affare da non perdere.

Cosa fare

  1. Non esiste alcun obbligo per coloro che partecipano alla gita o al viaggio. Il solo fatto di essere presenti all’evento promozionale non impone di acquistare beni o servizi; ƒƒ
  2. non lasciatevi intimidire dall’atteggiamento assillante o prepotente dei venditori; ƒƒ
  3. non fidatevi degli elogi e delle decantate caratteristiche della merce: la qualità va confermata e certificata per iscritto; ƒƒ
  4. leggete con attenzione i contratti di acquisto e le clausole prima di sottoscriverli: specialmente le condizioni di recesso e la data del contratto, che deve essere apposta al momento della firma. Spesso la data viene retrodatata in modo tale da far scadere il termine per esercitare il diritto di recesso; ƒƒ
  5. richiedete tassativamente una copia del contratto sottoscritto, sul quale devono essere presenti l’indirizzo e le informazioni relative al venditore e all’organizzatore dell’evento promozionale; ƒƒ
  6. non versate alcun acconto o pagamento anticipato.

Questo articolo è realizzato da:

Sindacato Pensionati Italiani CGIL

Questo articolo è realizzato con il contributo di:

LiberEtà Federconsumatori

Condividi questo articolo sui social

Facebook X

Leggi anche…

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla newsletter riceverai le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta elettronica

Consenso e trattamento dati