Pensioni Sanità Casa e consumi Tasse e tariffe Truffe Donne Pensionati all'estero Alimentazione
Cerca

tasse e tariffe

Permesso di soggiorno per colf e badanti

🕐 Tempo di lettura: 1 minuto

Con il Decreto Rilancio, a partire dall’1 giugno 2020, i cittadini stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 potranno chiedere un permesso di soggiorno della durata di sei mesi.

A chi spetta

Possono chiedere il rilascio di un permesso di soggiorno temporaneo (valido sei mesi) i cittadini stranieri, titolari di permesso scaduto dal 31 ottobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno, che prima di tale data hanno lavorato in uno dei settori indicati di seguito:

  • assistenza alle persone affette da patologie o handicap che limitano l’autosufficienza;
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

Il permesso è valido soltanto all’interno del territorio nazionale.

Inoltre, il cittadino straniero che desidera fare richiesta dovrà soddisfare i seguenti requisiti:

  • essere in possesso di passaporto o altro documento equipollente ovvero attestato consolare rilasciato dal proprio Paese di origine;
  • essere presente sul territorio nazionale prima dell’8 marzo 2020;
  • comprovare di aver svolto attività di lavoro nei settori indicati in precedenza.

Come fare

La domanda deve essere presentata dall’1 giugno al 15 luglio 2020 esclusivamente presso gli uffici postali Sportello amico, inoltrando il modulo di richiesta del permesso di soggiorno compilato e sottoscritto dall’interessato. Il costo del servizio è di 30 euro.
Inoltre, a copertura degli oneri per la procedura, sarà necessario pagare un contributo forfettario di 130 euro.

Il Patronato Inca Cgil potrà fornire tutta l’assistenza necessaria nella presentazione della domanda. Clicca qui per trovare la sede più vicina a casa tua.

Questo articolo è realizzato da:

Hai dei dubbi o vuoi farci qualche domanda?
I nostri esperti risponderanno ai tuoi quesiti, oppure cerca la risposta alla tua domanda tra le:
domande frequenti

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi restare sempre aggiornato su questi argomenti?
Iscriviti alla newsletter dello Spi CGIL